banner

TRAMA:

Non avrei mai immaginato che la mia vita sarebbe finita così.
Non avrei mai creduto che la mia vita sarebbe dipesa dalla sua.
Ero pronta a morire per mano dell’uomo che mi aveva distrutto.
Ero pronto a uccidere la donna che si era presa tutto me stesso.
Ma la mia sofferenza non è ancora terminata.
Ma me l’hanno portata via.
Sta venendo a riprendermi, lo sento.
Me la riprenderò, a qualsiasi costo.
E questa volta non potrò fermarlo.
E questa volta non fallirò.
A meno che non sia io a ucciderlo.

Senza titolo-2

Mi sembra ieri quando ho iniziato a leggere “Soffocami” con un misto di ansia, trepidazione e rimanendo schoccata di tanto in tanto, in fondo era il mio primissimo Dark Romance e non ero affatto preparata a tutto questo. Eppure i miei occhi non riuscivano a staccarsi dalle pagine e, finito il primo romanzo, per ironia della sorte ne volevo ancora, ebbene sì in quel momento scoprii che i fratelli Lamaze, Aleksandra, e la cittadina suggestiva di Veres mi erano entrati irrimediabilmente nel cuore. Ora, finito “Uccidimi”, mi ritrovo ancora più invischiata in questi personaggi che, ognuno a modo loro, mi hanno lasciato qualcosa di fondamentale. Inutile girarci intorno ma in questo terzo capitolo che chiude il ciclo di Henri e Aleksandra, la protagonista indiscussa è proprio lei, Ale. Difatti la ritroviamo prigioniera del Re di Veres, Aleksey e del suo fedele braccio destro Cade Connor. Per Aleksandra si prospettano tempi molto più duri di quelli passati fin’ora, tutto perchè il nostro Re, vuole ottenere da Aleksandra una cosa ben precisa ed è disposto davvero a tutto pur di fare capitolare la ragazza. In tutto questo scopriamo un Henri piuttosto insolito, un’anima in pena che non riesce a darsi pace pur di riprendersi la ragazza che ormai per lui è più di una droga, e per farlo è disposto anche a scatenare una guerra, ovviamente in tutto questo Henri potrà contare sugli inseparabili fratelli che cercheranno in ogni modo di aiutarlo. Ma la strada per i nostri protagonisti sarà piena di insidie e pericoli, ed anche di rivelazioni inaspettate e colpi di scena da far rimanere col fiato sospeso. Insieme ad un finale da cardiopalma, Chiara Cilli ci ha regalato ancora una volta mille emozioni, tanto che, finito il romanzo, ho dovuto aspettare almeno 24 ore per scrivere questa recensione, volevo godermi le sensazioni che questa trilogia mi ha lasciato fino all’ultimo. La fine del romanzo è stata dolce-amara, come tutta la vicenda di Henri ed Aleksandra del resto, poteva finire in un altro modo? Secondo me no. L’autrice ha trovato il finale perfetto, adatto a questa coppia non convenzionale, e io so che non poteva finire altrimenti. Ora non vedo l’ora che esca il prossimo romanzo della serie, stavolta a venire completamente stravolto sarà il fratellino, lanciatore di coltelli, nonchè mio amore, Andrè Lamaze che nell’epilogo di questo romanzo vediamo giù interagire con la sua futura “Lady”, mi aspetto scintille tra questi due!!! Ma per quanto io abbia amato i fratelli Lamaze, il Re e la Regine di Veres, la mia medaglia al valore va attribuita a LEI Aleksandra. Una ragazza che, inizialmente può sembrare la ricca e viziata figlia di papà, ma che invece fin da subito ha dimostrato un coraggio e una costanza che pochissime donne possiedono. Non si è mai fatta abbattere dalle circostanze, dimostrandosi artefice del proprio destino, anche se prima Henri e poi Aleksey hanno cercato di toglierglielo. Quindi io mi sento di ringraziarla, come se fosse una persona reale, per me lo è, una vera eroina come ormai se ne trovano ben poche nei romanzi, purtroppo, dovremmo riuscire a prendere la sua forza d’esempio nella nostra vita quotidiana, quindi grazie Aleksandra!!!

SERIE BLOOD BONDS (CICLO HENRI LAMAZE):

-1- Soffocami (RECENSIONE QUI)

-2- Distruggimi (RECENSIONE QUI)

-3- Uccidimi

COVER:

uccidimi 3

cover originale

Per il momento è tutto, inizia il conto alla rovescia per avere Andrè fra le mani…

Muhahahaha

Debora.

c46a9-prove2b3

distruggimi2

uccidimi1

________________________________________________________

Annunci